La commissione Itre ha chiesto di aumentare la capacità del Tap

0

BRUXELLES (Public Policy / Policy Europe) – Via libera giovedì dalla commissione Industria ed energia (Itre) del Parlamento Ue – con 42 voti a favore, 10 contrari e 3 astenuti – al parere alla modifica del regolamento sui Pnrr nazionali nel quadro del piano RePowerEu. Tra le richieste di modifica un aumento della capacità del Tap, in gasdotto che collega l’Azerbaijan all’Italia.

I deputati, tra le altre cose, chiedono una maggiore attenzione al sostegno per i consumatori vulnerabili e alle persone in povertà energetica, che la Commissione dovrà prendere in considerazione nella valutazione delle misure proposte. Inoltre gli Stati membri potranno promuovere anche produzione di fonti di energia a basse emissioni di carbonio all’interno dell’Unione e la produzione di idrogeno a basso contenuto di carbonio (anziché senza fossili).

Inoltre la commissione Itre chiede di inserire un nuovo allegato, contenente un elenco di progetti “indicativo e non esaustivo” che affrontano i colli di bottiglia delle infrastrutture energetiche, e in particolare le strozzature delle infrastrutture del gas, di cui gli Stati membri possono tener conto.

Nell’elenco sono contenuti i seguenti progetti: nella regione del Mar Baltico una unità di rigassificazione di stoccaggio galleggiante che coinvolge Finlandia, Estonia e Lettonia, un secondo terminale Gnl in Polonia; in Europa occidentale una unità di deodorizzazione che consente i flussi di gas da ovest a est tra Francia e Germania, un rafforzamento delle infrastrutture del gas per aumentare la capacità di esportazione dal Belgio alla Germania, un terminale gnl aggiuntivo in Germania, un progetto infrastrutturale transfrontaliero pronto per l’idrogeno nella penisola iberica meridionale; nell’Est Europa l’ampliamento della capacità del terminale gnl di Krk in combinazione con il potenziamento della rete di trasmissione croata verso Slovenia e Ungheria, il potenziamento della capacità infrastrutturale aggiuntiva del Tap sulla rete di trasmissione italiana (Linea Adriatica e Mattagiola), l’ampliamento dell’interconnector Grecia-Bulgaria (Igb fase II). (Public Policy / Policy Europe) NAF