Il nuovo dm Fer: una piattaforma per i contratti a lungo termine

0
energia

ROMA (Public Policy) – Arriva una piattaforma del Gme per la diffusione dei contratti a lungo termine per favorire, senza incentivi, la compravendita dell’energia verde. Lo prevede il nuovo decreto interministeriale per gli incentivi alle Fonti di energia rinnovabile (Fer), di cui Public Policy ha preso visione. I contratti a lungo termine si stanno molto diffondendo negli ultimi anni. Di durata ultradecennale, fanno sì che una azienda compri a prezzo fisso energia direttamente dal produttore.

Il decreto prevede che entro 180 giorni dalla sua entrata in vigore il Gme avvierà una consultazione pubblica per la predisposizione di una piattaforma di mercato per la negoziazione di lungo termine di energia da fonti rinnovabili. Potranno accedere alla piattaforma le offerte di produttori di energia da impianti a fonti rinnovabili aventi tutte le seguenti caratteristiche: di nuova costruzione, integralmente ricostruiti e riattivati, oggetto di un intervento di potenziamento o di rifacimento; entrati in esercizio successivamente al 1° gennaio 2017; non beneficiare di incentivi sull’energia prodotta.

L’Arera dovrà quindi predisporre uno o più schemi di contratti di lungo termine mentre un decreto del ministro dello Sviluppo economico di concerto con il ministro dell’Ambiente definirà specifiche misure e procedure per favorire l’applicazione del nuovo schema contrattuale, “eventualmente adattato, agli acquisti della pubblica amministrazione, anche nell’ambito del Piano d’azione nazionale sugli acquisti verdi della Pubblica amministrazione e delle procedure di acquisto per forniture di energia tramite gara della Consip per la Pubblica amministrazione”.

continua – in abbonamento

NAF