Privacy, populismo penale e presunzione di colpevolezza: le parole di Soro

0
giustizia tribunale

ROMA (Public Policy) – “Si è registrata, anche quest’anno, la diffusione di atti d’indagine in violazione del relativo regime di pubblicità e spesso anche del principio di essenzialità dell’informazione”. La responsabilità di giustizia e informazione è “tanto più necessaria rispetto al potenziale distorsivo del processo mediatico, in cui logica dell’audience e populismo penale rischiano di rendere la presunzione di colpevolezza il vero criterio di giudizio”.

Lo ha detto Antonello Soro, il Garante della privacy, nel corso della presentazione della relazione annuale a Montecitorio.

continua –in abbonamento

GAV