Le novità sul sisma (ma anche tante ‘varie ed eventuali’)

0
sisma

ROMA (Public Policy) – Installazione più facile delle ‘casette‘, proroga della restituzione della ‘busta paga pesante‘, assunzioni nei Comuni. Sono alcune delle norme contenute nel cosidetto Sblocca cantieri riferite al sisma e alla ricostruzione dei territori colpiti dai vari terremoti che si sono susseguiti negli ultimi anni nel nostro Paese (dal Centro Italia alla Sicilia). Una parte del provvedimento che si è arricchita, durante l’iter parlamentare, di norme anche diverse, come le risorse per le caserme dei Vigili del fuoco e per l’istallazione di telecamere in asili e case di cura e l’amministrazione dei condomini degradati.

Vediamo le novità approvate dal Senato al dl che passa ora all’esame della Camera.

PROROGA A OTTOBRE RESTITUZIONE ‘BUSTA PAGA PESANTE’ IN ZONA SISMA

I lavoratori delle imprese colpite dai terremoti del centro Italia del 2016 dovranno ricominciare a versare i contributi non versati dal 31 ottobre prossimo e non da giugno. La restituzione riguarda i contributi non versati dagli stessi lavoratori e dalle imprese per fare in modo che i dipendenti potessero avere una busta paga più alta, quindi ‘pesante’.

SISMA CENTRO ITALIA, PIÙ FACILE INSTALLARE CASETTE MOBILI

Più facile installare “strutture abitative temporanee e amovibili”, come i contanier o strutture prefabbricate, nei Comuni del Centro Italia colpiti dal terremoto del 2016. Nello specifico, la norma prevede che per “scongiurare fenomeni di abbandono del territorio”, nei Comuni di Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche colpiti dal sisma del 2016, “che presentano una percentuale superiore al 50% di edifici dichiarati inagibili con esito E (quindi inutilizzabile in ogni sua parte, Ndr) rispetto agli edifici esistenti alla data dell’evento sismico, è consentita, previa autorizzazione comunale e comunque fino al novantesimo giorno successivo all’ordinanza di agibilità dell’immobile oggetto di ricostruzione, l’installazione di strutture abitative temporanee ed amovibili, sul medesimo sito o altro terreno di proprietà ubicato nel territorio dello stesso Comune con qualsiasi destinazione urbanistica, dichiarato idoneo per tale finalità da apposito atto comunale”. Gli oneri sono a carico dei privati. L’istallazione della struttura sarà possibile anche in aree attrezzate per finalità turistiche, come i camping.

SISMA, AFFIDAMENTO DIRETTO PER PROGETTAZIONE/INGEGNERIA FINO A 40MILA EURO

L’affidamento degli incarichi di progettazione e dei servizi di architettura e ingegneria nei territori colpiti dal terremoto avviene mediante affidamento diretto. Nello specifico si prevede che “l’affidamento degli incarichi di progettazione e dei servizi di architettura e ingegneria ed altri servizi tecnici e per l’elaborazione degli atti di pianificazione e programmazione urbanistica in conformità agli indirizzi definiti dal Commissario per importi fino a 40mila euro avviene mediante affidamento diretto”.

DEROGHE NUMERO ALUNNI IN SCUOLE ZONE SISMA

Arriva la proroga di alcune deroghe in materia scolastica nei territori del centro Italia e di Ischia colpiti dal terremoto. In particolare, si prevede che anche per l’anno scolastico 2019-20, i dirigenti degli uffici regionali di Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo e Campania (per quanto riguarda Ischia) potranno derogare al numero minimo/massimo di alunni per classe previsto dalle norme in vigore. La norma si riferisce a scuole ospitate in strutture temporanee. Per l’attuazione della misura è stanziato un ulteriore milione e mezzo di euro nel 2019, che si aggiunge ai 4,5 già stanziati.

continua – in abbonamento

FRA