Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

A che punto siamo con la riforma della prescrizione?

prescrizione 09 maggio 2016

di Sonia Ricci

ROMA (Public Policy) - Aumento della metà dei tempi di prescrizione attualmente previsti per i reati di corruzione, quelli previsti dagli articoli 318, 319 e 319 ter del codice penale.

È questo il nodo principale in seno alla maggioranza di governo, che dovrà essere sciolto nelle prossime settimane in commissione Giustizia al Senato.

Le norme sulle prescrizione - decise in precedenza alla Camera in un clima di tensione tra Pd e Area popolare - sono riapparse con la stesura del testo base preparato dai relatori Felice Casson e Giuseppe Cucca (Pd).

Il ddl ha unificato tre testi, precedentemente approvati da Montecitorio: il ddl Penale (numero 2067), il ddl sul giudizio abbreviato (numero 2032) e il discusso ddl 1844, ovvero quello sulla prescrizione.

Vediamo nel dettaglio le nuove norme sui tempi dei processi:

PRESCRIZIONE E CORRUZIONE
Con l'approvazione alla Camera di un emendamento del governo - con il parere contrario di Area popolare - il termine di prescrizione base dei reati di corruzione propria, impropria e in atti giudiziari aumenta della metà.

Per esempio, per la corruzione ex articolo 319 portata dalla legge Severino fino a 8 anni e poi dalla legge Orlando a 10, il processo dovrà intervenire entro 15 anni pena l'estinzione del reato.

FERMO LANCETTE DOPO CONDANNA
L'approvazione di un emendamento del governo ha fatto sì che la prescrizione resti sospesa per due anni dopo la sentenza di condanna in primo grado e per un anno dopo la condanna in appello.

La sospensione però non vale in caso di assoluzione.

CASI DI SOSPENSIONE
Oltre alle ipotesi già previste dal codice, la prescrizione sarà sospesa anche nel caso di rogatorie all'estero (6 mesi), perizie complesse (3 mesi) e istanze di ricusazione.

PRESCRIZIONE DIFFERITA PER MINORI
In linea con le convenzioni internazionali e gli ordinamenti europei, per i più gravi reati contro i minori (come violenza sessuale, stalking, prostituzione, pornografia) la prescrizione decorre dal compimento del diciottesimo anno di età della persona offesa, salvo che l'azione penale sia stata esercitata precedentemente.

ENTRATA IN VIGORE
Le nuove norme, dato che la prescrizione ha valore sostanziale, si applicano ai reati commessi dopo l'entrata in vigore della legge. (Public Policy)

@ricci_sonia

© Riproduzione riservata