Basf al Senato: incentivare il rinnovo del parco auto con mezzi ecologici

0

ROMA (Public Policy) – “I powertrain ibridi ed elettrici saranno disponibili sul mercato a prezzi accessibili in modo progressivo e non è realistico pensare a una elettrificazione immediata del mercato anche perché sarà necessario creare l’infrastruttura a supporto”. Anche per questo, “per evitare uno scenario in cui si uniscono gli effetti della crisi a quelli della transizione elettrica, si potrebbe incentivare, con un orizzonte temporale di breve periodo, il rinnovo del parco auto con veicoli efficienti ed ecologici con powertrain tradizionali non trascurando il mercato dell’usato euro 6″.

È quanto si legge in un documento inviato da Basf in commissione Industria al Senato in occasione dell’audizione di Filippo Bertacchini, head of communications and government relations – Italy di Basf, in merito all’affare assegnato sul settore dell’automotive italiano e sulle implicazioni in termini di competitività conseguenti alla transizione alla propulsione elettrica.

“Questo permetterebbe di aiutare la ripresa evitando che l’industria, per recuperare le perdite causate dalla crisi, rallenti l’adozione dei provvedimenti di contenimento delle emissioni nocive all’ambiente accelerando di fatto la transizione”, si legge ancora nel documento.

“Nel frattempo la rivoluzione elettrica andrà supportata utilizzando i fondi a disposizione per recuperare il ritardo accumulato dalla Ue e dall’Italia nei confronti dei competitor cinesi e americani nello sviluppo delle nuove tecnologie. Per esempio la Commissione europea è intervenuta nel dicembre 2019, approvando aiuti di Stato per 3,2 miliardi di euro, al fine di realizzare fabbriche di accumulatori in sette Paesi, tra cui l’Italia. Altri Paesi europei si stanno già muovendo in questa direzione”, sottolinea il documento.

Durante l’audizione, Bertacchini ha riportato la stima in base alla quale “dal 2030, con un delta di 5 anni, dovremmo cominciare a vedere la scomparsa dei veicoli ibridi a favore di veicoli full electric che al momento sono sul mercato in numero molto minore”. (Public Policy) FRA