La Camera farà un’indagine conoscitiva sul caporalato

0
caporalato agricoltura

ROMA (Public Policy) – Via libera a un’indagine conoscitiva sul fenomeno del caporalato nel settore agricolo dalle commissioni riunite Lavoro e Agricoltura della Camera, che dovrebbe concludersi entro la fine di giugno 2019.

Previsto quindi un ciclo di audizioni di rappresentanti dei ministeri competenti (Sviluppo economico e Lavoro, Politiche agricole), di organizzazioni sindacali del settore (Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil, Ugl Agroalimentare, Confsal-Fna) e di organizzazioni rappresentative delle imprese agricole come Agrinsieme (Confagricoltura, Cia, Copagri, Alleanza delle cooperative italiane), Coldiretti e Ue Coop, di Inps, Inail e Agea, del Milan Center for food law and politics, dell’Osservatorio Placido Rizzotto, di Terra! Onlus, di Libera, Oxfam Italia, Goel Gruppo Cooperativo, SOS Rosarno, Associazione No Cap, dei prefetti di Reggio Calabria, Foggia e Macerata, e di esperti della materia.

Scopo principale dell’indagine sarò quello di verificare l’ampiezza e la gravità del fenomeno, in agricoltura, dello sfruttamento di lavoratori sottopagati tramite intermediari di manodopera irregolari (i cosiddetti caporali). Le commissioni XI e XIII si propongono in particolare di indagare in quali settori il fenomeno del si manifesta maggiormente in Italia, le distorsioni che  provoca nel funzionamento dei mercati e i rischi che ne derivano per le imprese, i lavoratori, i consumatori e, più in generale, per il sistema economico e produttivo. E al termine dell’indagine si propongono di individuare ulteriori strumenti di carattere legislativo e amministrativo che è possibile mettere a punto per contrastare più efficacemente il fenomeno.

L’indagine sarà volta anche a verificare il grado di attuazione e dei risultati della recente legge 199 del 2016 per il contrasto del lavoro nero e dello sfruttamento in agricoltura (anche allo scopo di evidenziarne i limiti, soprattutto in termini di politiche di prevenzione e contrasto diverse dalla risposta repressiva) e il grado di attuazione degli atti di indirizzo al Governo approvati dalla Camera nella scorsa legislatura. Delegazioni delle Commissioni potranno svolgere sopralluoghi nelle zone agricole dell’Italia dove il caporalato presenta una maggiore diffusione.  (Public Policy) GIL