Il Consiglio di Stato dice la sua sul Codice appalti

0
appalti

di Francesco Ciaraffo

ROMA (Public Policy) – Il Consiglio di Stato ha dato il parere su una serie di misure attuative del Codice appalti.

Tra questi: linee guida Anac sull’indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione; dm Mit su ‘definizione dei requisiti che devono possedere gli operatori economici per l’affidamento dei servizi di architettura e ingegneria e individuazione dei criteri per garantire la presenza di giovani professionisti, in forma singola o associata, nei gruppi concorrenti ai bandi relativi a incarichi di progettazione’.

E ancora: linee guida Anac relative alle procedure negoziate senza pubblicazione di un bando di gara nel caso di forniture e servizi ritenuti infungibili; dm Mit di approvazione delle linee guida sul direttore dei lavori e sul direttore dell’esecuzione.

continua –in abbonamento

@fraciaraffo