Cyber, il dlgs Nis in commissione speciale: cosa c’è nel provvedimento

0
cybersecurity

ROMA (Public Policy) – Il dlgs sulla cybersecurity sarà uno dei provvedimenti su cui la commissione speciale di Camera e Senato dovrà lavorare (a Palazzo Madama la commissione è già stata costituita e questa settimana eleggerà i suoi organi interni; a Montecitorio la sua costituzione dovrebbe essere decisa a breve).

Il decreto, che attua la direttiva europea Nis (Network and information security) sulla sicurezza delle reti informatiche, è stato licenziato in via preliminare dal Consiglio dei ministri a inizio febbraio.

Il provvedimento – come anticipato da Public Policy – stabilisce che entro il 9 novembre 2018 le autorità competenti Nis dovranno identificare gli operatori di servizi essenziali con una sede nel territorio nazionale che confluiranno in un elenco presso il Mise, da aggiornare almeno con cadenza biennale. Un soggetto potrà essere indicato come operatore di servizi essenziali se: fornisce un servizio che è essenziale per il mantenimento di attività sociali e/o o economiche fondamentali; la fornitura di tale servizio dipende dalla rete e dai sistemi informativi; un incidente avrebbe effetti negativi rilevanti sulla fornitura di tale servizio.

continua – in abbonamento

NAF