Decreto Agosto, le novità: dal Patrimonio Cdp alla scuola

0
camera

di Viola Contursi

ROMA (Public Policy) – Il dl Agosto è stato convertito in legge (lunedì l’ok definitivo alla Camera), dopo un esame parlamentare sostanzialmente breve nei voti – a causa sia della pausa estiva che dell’emergenza Coronavirus ‘scoppiata’ in commissione Bilancio al Senato – ma non nelle tempistiche. Il decreto scadeva infatti il 13 ottobre.

Vediamo le principali misure del provvedimento:

INSERITI 3 DL A PERDERE

Il Governo ha presentato in commissione Bilancio al Senato un lungo emendamento al dl Agosto che ha introdotto nel testo tre decreti legge, approvati quest’estate, cosiddetti “a perdere”: il decreto (già assegnato alla commissione Bilancio del Senato) con misure sull’avvio dell’anno scolastico 2020/2021, su trasporti e a favore di Lampedusa (il dl 111/2020); il decreto elezioni (il 103/2020) con modalità per lo svolgimento del week end elettorale del 19 e 20 settembre; il decreto sulla sanificazione dei locali adibiti a seggio elettorale e per il regolare svolgimento dei servizi educativi e scolastici gestiti dai comuni (il dl 117/2020).

PATRIMONIO RILANCIO CDP

Con delle modifiche approvate in commissione Bilancio si consente al ministero dell’Economia e delle finanze, ai fini dei propri contributi al Patrimonio Rilancio, oltre ad assegnare titoli di Stato a Cassa Depositi e Prestiti, anche di apportare liquidità. Viene chiarito quindi che il capitolo di bilancio utilizzato per la registrazione contabile dell’assegnazione dei titoli di Stato è usato anche per l’apporto di liquidità. Infine si dispone che i titoli di Stato eventualmente non emessi e assegnati nell’anno 2020 possano esserlo negli anni successivi e che essi non concorrono al limite delle emissioni nette stabilito con le rispettive leggi di Bilancio.

RIASSETTO SACE

Una norma del dl riguarda il riassetto del Gruppo Sace, per cui si prevede un previo accordo tra il ministero dell’Economia e delle finanze e Cassa depositi e prestiti (Cdp) e poi il riassetto determinato con decreto del ministro dell’Economia e delle finanze (Mef) con cui si determina il valore di trasferimento delle partecipazioni interessate ritenuto congruo dalle parti.

SCUOLA

A decorrere dall’a.s. 2020/2021, anche la valutazione intermedia degli alunni della scuola primaria è espressa con giudizio descrittivo. Si fissa poi un termine – pari a 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto – per l’adozione dei provvedimenti con cui si attuano le disposizioni volte ad assicurare la continuità per gli studenti con disabilità.

continua – in abbonamento

@VioC