Il decreto sul cuneo fiscale visto dalla Cgil: bene, ma non basta

0

ROMA (Public Policy) – Il dl Cuneo fiscale è un intervento “condivisibile”, ma è un “giudizio tuttavia subordinato al fatto che tale risultato sia solo il primo passo di una più complessiva riforma fiscale”. È quanto emerge da un documento depositato dalla Cgil in commissione Finanze al Senato in occasione di un’audizione sul dl Cuneo fiscale.

“Continuiamo a pensare che ci sarebbe stata necessità di maggiori risorse, e tuttavia crediamo che esse possano essere messe in campo anche all’interno di una riforma più ampia da programmare quest’anno per i prossimi. Un riforma che diminuisca le imposte anche ai pensionati, che prosegua nel percorso di progressività per i lavoratori dipendenti, che elimini alcune distorsioni dell’attuale sistema, in breve, una riforma imperniata su equità e progressività, che realizzi una redistribuzione e promuova lo sviluppo e la sostenibilità”, si legge ancora nel documento illustrato da Gianna Fracassi, vicesegretaria generale della Cgil.

La Cgil ha anche chiesto certezze circa la stabilizzazione della misura. Crediamo che sarebbe utile che questo Parlamento trovi il modo di ‘blindare’ e rendere strutturale l’aumento della detrazione previsto per il 2020 vista anche la volontà di stabilizzare la misura indicata dal Governo nella relazione illustrativa” del provvedimento.

tutte le audizioni sul decreto – in abbonamento

FRA