Fine del Governo, non delle liti. M5s e Lega ‘discutono’ di ambiente

0
ambiente pa

ROMA (Public Policy) – Lega e M5s, nonostante l’esperienza del Governo gialloverde sia conclusa, continuano a litigare. Stavolta tema di confronto è uno dei dossier più divisivi, tra i tanti, per la ormai ex maggioranza: l’ambiente. Certo, i toni sono più da rinfaccio per i veti incrociati nei mesi scorsi e da campagna elettorale in vista di un possibile voto, ma vale la pena riportarli.

“In 14 mesi di Governo la commissione Ambiente alla Camera presieduta dalla Lega ha visto 4 proposte di legge incardinate dal Movimento 5 stelle, tutte e 4 bloccate dalla Lega: acqua pubblica, riutilizzo dei beni usati per minimizzare i rifiuti, Salvamare e tutela delle isole minori. L’unica proposta di legge che la Lega ha provato a far calendarizzare è stata quella sulla costruzione di nuovi inceneritori, che abbiamo bloccato noi visto che non era nel contratto di Governo e visto che serve un’economia circolare seria nel nostro Paese, in cui il rifiuto non sia una risorsa da bruciare”, ha detto, in una nota, la deputata del Movimento 5 stelle in commissione Ambiente, Ilaria Fontana.

“Saremmo dunque noi che abbiamo bloccato i lavori della commissione Ambiente? Ogni provvedimento un parto che non ha mai raggiunto l’aula, nonostante la nostra costanza e resilienza a tenere alto ogni argomento per 14 mesi di seguito, quotidianamente”, ha aggiunto.

La replica del Carroccio è stata affidata al sottosegretario all’Ambiente, Vannia Gava. “In questi mesi abbiamo capito che i 5 stelle hanno una visione antica della tutela ambientale, una visione influenzata forse da allucinazioni fantascientifiche, tipo il ‘rifiuto zero’ sulla terra piatta”.

“Se l’accordicchio Pd-5 stelle contro l’Italia diventerà il Governo dell’incubo – ha aggiunto Gava – assisteremo, nella tragedia, alle magie alle quali ricorreranno per approvare, ad esempio, la proposta di legge Daga sull’acqua. Sarà un disastro che distruggerà i sistemi di gestione virtuosi, senza aiutare quelli in difficoltà, soprattutto al Sud. Una proposta che come tutti i commentatori hanno riscontrato è la fotocopia della legge Maduro in Venezuela, notoriamente un campione della socialdemocrazia”. (Public Policy) FRA