La Lega vuole bloccare la riforma delle Bcc: la mozione Bagnai

0
banche bcc

di Viola Contursi

ROMA (Public Policy) – Se un Governo M5s-Lega alla fine (come sembra) si formerà, una delle questioni che potrebbero essere trattate dal ministero dell’Economia è quella di bloccare la riforma delle Bcc, chiedendone una sospensione dei termini. Un obiettivo su cui, come anticipato da Public Policy, la Lega ha presentato una mozione in Senato a prima firma Alberto Bagnai.

Il punto, al momento, non è comunque trattato nella bozza del contratto di Governo che circola in queste ore.

La riforma delle Bcc voluta e attuata dal Governo Renzi prevede, con soglie precise, il confluire di tutte le Bcc sotto una capigruppo. Il termine per la costituzione della capogruppo era il 4 maggio ed entro quella data sono state presentate due domande: Cassa centrale banca e Iccrea. A cui si aggiunge la Cassa centrale Raiffeisen per il gruppo provinciale. La Bce avrà 120 giorni di tempo per dare il via libera dopo la presentazione dell’istanza e successivamente scatteranno i 90 giorni per le modifiche statutarie e la firma dei patti di coesione da parte delle singole Bcc con le capogruppo che daranno vita giuridicamente ai nuovi gruppi bancari. Ma la Lega chiede che il processo si blocchi e si prenda una pausa di riflessione.

“Nessuno – spiega a Public Policy l’economista e senatore del Carroccio Bagnai – ha le garanzie che una supervisione unica europea sia in grado e voglia fare i nostri interessi. Quindi o si va verso una uniformità della quantita di credito nazionale che ricade sotto la supervisione unica o, come chiediamo, ci si prende un momento di riflessione. Perché esiste in Europa una assimetria, dal momento che nel Paese piu grande, ovvero la Germania, la percentuale di credito sorvegliata dalla sorveglianza unica é drammaticamente piu bassa dell’Italia. Quindi prima di procedere su questa strada, con la riforma delle Bcc, si rifletta su questo e ci si prenda del testo anche per andare” a contrattare in Europa su questo punto.

continua – in abbonamento

@VioC