Lega e 5 stelle hanno cambiato la pdl sul referendum propositivo

0
referendum elezioni

ROMA (Public Policy) – Non ci sarà un “organo terzo” ad esaminare la “natura” della modifiche che le Camere apporteranno alla future proposte di iniziativa popolare, ma sarà la Corte costituzionale a valutare se i ritocchi sono da considerare sostanziali o meno e, dunque, se dovrà essere indetto il referendum sul testo. La Consulta si occuperà anche della verifica delle coperture finanziarie e nel caso in cui il testo non venga esaminato dalle Camere entro 18 mesi, i promotori avranno altro tempo per poter riformulare le coperture che col tempo siano venute meno.

Queste le novità contenute in un emendamento firmato da Ugo Grassi (M5s) e Luigi Augussori (Lega), relatori al Senato della proposta di legge costituzionale che introduce il referendum propositivo, approvato oggi dalla commissioni Affari costituzionali al Senato.

continua – in abbonamento

SOR