I numeri della NaDef e quelli della Manovra (da 40 miliardi)

0
bilancia conti def

ROMA (Public Policy) – Mercoledì sera primo passaggio a Palazzo Chigi per la NaDef, che dovrebbe essere ufficialmente approvata dal Cdm lunedì (e non più domenica, come era inizialmente previsto). Nel testo si prevede una flessione del Pil 2020 pari al 9%, un rimbalzo del 6% nel 2021, e il rapporto deficit/Pil dovrebbe scendere dal 10,8% di quest’anno al 7% dell’anno prossimo. In calo anche il rapporto tra debito pubblico e Pil, che passerebbe dal 158% del 2020 al 155% del 2021, per poi continuare a calare nel corso dei due anni successivi.

Ci si attende una manovra espansiva da circa 40 miliardi, e il deficit al 7% nel 2021 – nonostante l’indebitamento tendenziale fosse al 5,7% – nelle intenzioni del Governo rappresenta una “spinta di bilancio” pari all’1,3%, consentendo margini per ulteriori 23 miliardi. Si tratta di un accordo politico in seno alla maggioranza per dare ancora più stimoli all’economia, mentre sembrano esserci problemi sulla riforma fiscale. L’ipotesi “alla tedesca” dell’aliquota continua, che supererebbe i cinque scaglioni fissi, piace a Pd e Leu, ma non è ben vista da renziani e M5s, che preferirebbero un taglio degli scaglioni, casomai accorpando quelli centrali (che interessano il ceto medio).

continua – in abbonamento

PAM