Operazione Sophia e Ong: la versione Credendino

0
migranti

ROMA (Public Policy) – Sui migranti, “per quanto riguarda le Ong, io sono il comandante dell’Operazione Sophia e quindi rispondo di quello che fanno i miei mezzi. Posso osservare alcuni comportamenti, ma non li commento perché non sta a me commentarli. Quindi perchè altre organizzazioni agiscono in un certo modo va chiesto a quelle organizzazioni, o a Frontex o al procuratore Zuccaro“.

Lo ha detto il comandante della missione Eunavfor MedOperazione Sophia, Enrico Credendino, nel corso di un’audizione in commissione Migranti alla Camera.

“Quello che abbiamo osservato – ha aggiunto Credendino – è che certamente da giugno 2016 c’è un numero maggiore di Ong che lavora in area e che sono sempre più attive. Non hanno mai intralciato direttamente la mia operazione, e anzi noi dobbiamo lavorare tutti insieme, coordinarci in mare, perchè poi in mare la situazione è molto complessa”. (Public Policy) PAM