Resocónto – Socialisme ou Barbarie

0

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) – “Colleghi, ad alcuni esponenti della maggioranza farà piacere se cito Lenin, che diceva: ‘La libertà è preziosa; così preziosa che dovrebbe essere razionata’. Riteniamo che il ministro Speranza sia il nuovo apostolo del comunismo del lockdown o del socialismo pandemico, in cui lo Stato decide anche come dobbiamo amare. Sembra un film, sembra Le vite degli altri, ma in realtà è l’Italia del 2021″. (Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia; aula della Camera, 24 maggio).

“Io vorrei leggere un articolo di pochissimi giorni fa, apparso sul sito , intitolato ‘Salute – Il gran pasticcio dell’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari’, che vorrei riproporre con il titolo ‘Quer pasticciaccio brutto di Lungotevere Ripa 1’, per modulare il famoso libro che tutti noi dovremmo aver letto. Che cosa si mette in luce? Ovvietà incredibili, signora presidente”. (Massimo Baroni, deputato de l’Alternativa c’è; aula della Camera, 24 maggio).

Dico no alla deriva e alle barbarie, come dico no all’accanimento e alla revoca del vitalizio a persone anziane o malate, che avevano fatto una previsione di vita per la loro vecchiaia su una base che non può essere stravolta, così come difendo la delibera di questo ramo del Parlamento per far riavere il vitalizio, per ragioni di salute o di sussistenza, ad alcuni suoi ex membri. Occorre serietà: basta con la demagogia un tanto al chilo e con i moralisti che spesso si sono rivelati moralisti dei miei stivali“. (Stefania Craxi, senatrice di Forza Italia; aula del Senato, 26 maggio).

Concludo il mio intervento con una citazione. Platone diceva che le brave persone non hanno bisogno di leggi che dicano loro di agire responsabilmente, mentre le cattive persone troveranno un modo per aggirare le leggi. Noi, brave persone, non torneremo indietro”. (Paola Taverna, senatrice M5s; aula del Senato, 26 maggio). (Public Policy)

@VillaTelesio