Anche i sexy shop entrano nel decreto Crescita

0

ROMA (Public Policy) – È stato approvato, nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, l’emendamento al dl Crescita che – riproponendo una misura inserita nella pdl Fisco Ruocco-Gusmeroli – introduce un’agevolazione consistente in un rimborso dei tributi comunali per quattro anni destinata a chi amplia o riapre un esercizio chiuso da almeno sei mesi.

Il beneficio è concesso per le iniziative tese alla riapertura di locali destinati ad attività rientranti nei settori dell’artigianato, del turismo e del commercio al dettaglio, compresa la somministrazione di alimenti e bevande al pubblico, nonché di servizi destinati alla tutela ambientale, alla fruizione di beni culturali e al tempo libero. La norma originaria escludeva dall’agevolazione i ‘compro oro’, i ‘sexy shop’ e le sale per scommesse.

Durante i lavori nelle commissioni, su richiesta in particolare del Pd, è stata espunta l’esclusione dei sexy shop. Già durante l’iter di approvazione della pdl Fisco, Massimo Ungaro aveva presentato un emendamento che puntava a includere questo tipo di esercizi commerciali. (Public Policy) GIL