Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

C'è un ddl che regola i rapporti tra Italia e Soka Gakkai

buddismo 11 aprile 2016

ROMA (Public Policy) - Da norme per il riconoscimento dell'autonomia dell'istituto a quello della libertà religiosa, passando per disposizioni su ministri e edifici di culto, assistenza spirituale, trattamento di salme e cimiteri, gestione degli enti, regime tributario e festività riconosciute.

Sono questi, in sintesi, i principali contenuti del disegno di legge di origine governativa che disciplina i rapporti tra l'Italia e l'Istituto buddista italiano Soka Gakkai (Ibisg), che ha iniziato da poco il proprio iter in Affari costituzionali al Senato.

Il ddl, che era stato licenziato lo scorso 4 dicembre dal Cdm, è composto di 26 articoli.

Come ha ricordato il relatore in commissione, il vicepresidente di Palazzo Madama Roberto Calderoli (Lega), l'intesa è lo strumento con il quale vengono regolati i rapporti fra l'Italia e una confessione religiosa diversa dalla cattolica ed è predisposta all'esito di una trattativa tra la confessione religiosa e la commissione interministeriale per le intese, istituita dal governo.

Il progetto di legge, che va sottoposto all'ok del Parlamento non può, però, essere emendato, ma solo accolto o respinto in toto.

continua - in abbonamento

IAC

© Riproduzione riservata