A che punto è la proposta sul commercio equo e solidale

0
commercio

ROMA (Public Policy) – di Luca Iacovacci – Da nuove norme su tracciabilità, tutela e promozione del commercio equo solidale all’introduzione di un unico elenco nazionale in materia, diviso in sezioni.

Senza scordare la previsione di una commissione ad hoc presso il ministero dello Sviluppo economico, misure di sostegno negli appalti pubblici e un fondo apposito da 1 milione di euro per il 2016.

Sono questi alcuni punti cardine del progetto di legge per la promozione e la disciplina del commercio equo e solidale che all’esame della commissione Attività produttive di Montecitorio e sul quale è stato adottato un testo base come proposto dalla relatrice del provvedimento Chiara Scuvera (Pd).

continua – in abbonamento