Dl Carceri, Dap: con liberazione anticipata scenderemo sotto 60mila detenuti

0
carceri

ROMA – (Public Policy) – La liberazione anticipata, “di fronte alla necessità di riequilibrio del sistema, credo sia uno strumento che ha una buona efficacia e che sia il meno lesivo della sicurezza. Ci sono quasi 5mila detenuti che hanno una pena residua di sei mesi, non tutti avranno questo beneficio e non tutti ne godranno nella misura massima, ma con un’applicazione anche del 50%, dati i 62.400 detenuti, arriveremmo sotto i 60mila“.

Lo dice il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) Giovanni Tamburino durante un’audizione di fronte alla commissione Giustizia alla Camera, in merito al nuovo decreto Carceri. A questo – prosegue – si aggiungerebbe “la previsione realistica di consegnare 4mila/4.500 posti carcere entro maggio 2014”. (Public Policy)

SOR