Ritocchi in vista per il decreto Urgenze: le novità su Genova e il porto

0
ponte morandi

ROMA (Public Policy) – Verso una maggiore definizione dei poteri in deroga del commissario straordinario per Genova e una rimodulazione della norma sulle trattenute Iva per il sistema portuale ligure. Queste alcune delle novità in arrivo nel decreto Urgenze, riguardante Genova ma anche la sicurezza delle infrastrutture, il terremoto di Ischia e del Centro Italia.

A quanto si apprende, sui poteri del commissario sarebbe in corso una interlucazione tra Governo ed il commissario stesso, il sindaco di Genova Marco Bucci. L’intenzione sarebbe quella di recepire alcuni dei rilievi sollevati nel corso delle audizioni dall’Anac e dall’Antitrust, andando nella direzione di circoscrivere meglio i poteri straordinari, sempre in un ottica di velocità delle procedure e di garanzie giudiziarie sull’operato del commissario.

Sull’Iva portuale attualmente la norma prevede un tetto massimo di 30 milioni annui per una trattenuta elevata al 3%. Come chiesto da più parti nel corso delle audizioni la rimodulazione potrebbe riguardare il tetto massimo consentito.

continua –in abbonamento

NAF