Deportati e orfani di guerra finiscono nella legge di Bilancio

0
shoah negazionismo

ROMA (Public Policy) – La legge di Bilancio cancella la previsione in base alla quale ai limiti di reddito previsti per il riconoscimento dell’assegno e pensione sociale non concorrono i vitalizi riconosciuti agli ex deportati nei campi di sterminio nazista e ai perseguitati politici antifascisti o razziali e dei loro familiari superstiti.

È quanto prevede una nuova bozza di manovra finanziaria, di cui Public Policy ha preso visione, che i tecnici del ministero dell’Economia e Palazzo Chigi stanno ancora ritoccando.

Un’altra norma prevede che “il trattamento di reversibilità delle pensioni di guerra e degli assegni vitalizi sia ammesso in favore del coniuge superstite, “qualora sussistano le condizioni di inabilità a proficuo lavoro e reddituali, con esclusione degli orfani e dei genitori. Sono fatti salvi i trattamenti percepiti dagli orfani e dai genitori alla data di entrata in vigore del presente provvedimento”.

continua – in abbonamento 

FRA