Dl Crescita, dal Governo oltre 30 attuativi: dalle banche ad Alitalia

0
chigi governo cdm

di Michele De Vitis

ROMA (Public Policy) – Sono più di 30 i decreti attuativi in capo al Governo presenti nel dl Crescita (34/2019), in vigore dal 1° maggio e ora all’esame delle commissioni Bilancio e Finanze di Montecitorio. La gran parte di questi decreti sarà varata dal Mise. Da non trascurare poi quattro  provvedimenti attuativi in capo all’Agenzia delle entrate.

Vediamo dunque tutte le misure attese:

INDENNIZZI RISPARMIATORI TRUFFATI

Vengono modificate le norme previste dall’ultima legge di Bilancio. Con dm Mef saranno definite le modalità di presentazione della domanda di indennizzo, i piani di riparto delle risorse disponibili e sarà istituita e disciplinata una commissione tecnica per l’esame e l’ammissione delle domande all’indennizzo. Tale commissione poi verificherà le violazioni massive e la sussistenza del nesso di causalità tra le violazioni e il danno subito dai risparmiatori.

Con successivo dm Mef saranno nominati i 9 componenti della commissione tecnica e verranno determinati gli emolumenti, nel limite massimo di 3,6 milioni di euro nel triennio 2019-2021. Tali risorse vengono attinte dal fondo per gli indennizzi dei risparmiatori. Qualora l’importo dei compensi da attribuire ai componenti della Commissione tecnica risulti inferiore a 3,6 mln, con dm Mef l’importo eccedente confluisce nel fondo.

Un altro dm Mef individuerà la data a partire dalla quale decorrerà il termine di 180 giorni per l’invio della domanda di indennizzo.

Infine, con dpcm, su proposta del Mef, previo assenso della Commissione europea, potrà essere elevato fino a 200mila euro il valore massimo del patrimonio mobiliare di proprietà del risparmiatore in modo da ampliare la platea d’accesso all’indennizzo forfettario.

ALITALIA

Con dpcm su proposta del Mef, verranno determinate le modalità e i criteri dell’operazione con cui il Mef sottoscriverà quote di partecipazione al capitale della nuova Alitalia. Il dpcm, di natura non regolamentare, sarà sottoposto alla registrazione della Corte dei conti.

FONDI AI COMUNI PER SVILUPPO SOSTENIBILE

Ammontano a 500 milioni di euro i contributi destinati ai Comuni per interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile. Saranno assegnati con dm Mise, da emanare entro il 20 maggio.

MARCHI STORICI

Sarà istituito con dm Mise il logo “Marchio storico di interesse nazionale” che le imprese iscritte nel registro speciale potranno utilizzare per finalità commerciali e promozionali. Il dm specificherà i criteri per l’utilizzo del logo. Viene inoltre istituito presso il Mise un fondo per la tutela dei marchi storici di interesse nazionale. Con dm Mise, di concerto con il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, saranno stabiliti modalità e criteri di gestione e di funzionamento del fondo.

CONTRASTO ITALIAN SOUNDING

Con uno stanziamento di 1,5 mln di euro all’anno, saranno sostenute le spese dei consorzi nazionali per la tutela legale dei prodotti colpiti dall’italian sounding. Con dm Mise di concerto con il Mef saranno stabilite le disposizioni di attuazione, inclusa l’indicazione delle spese ammissibili, le procedure per l’ammissione al beneficio, le modalità di verifica e controllo dell’effettività delle spese sostenute, le cause di decadenza e revoca del beneficio, le modalità di restituzione delle agevolazioni fruite indebitamente.

continua – in abbonamento

@micdv