Nel dl Fisco entra una norma ponte per le autostrade

0
autostrade

ROMA (Public Policy) – Una norma “ponte” per garantire la prosecuzione delle concessioni autostradali scadute all’entrata in vigore del decreto Fiscale, ma senza prevederne la proroga. È questo il senso di uno degli emendamenti depositati dal relatore M5s Emiliano Fenu al collegato alla manovra in commissione Finanze al Senato.

Il testo depositato prevede che in attesa delle future gare per la riassegnazione della concessione, il vecchio concessionario possa proseguire con le attività – si legge – “di progettazione e la realizzazione” di interventi “necessari a garantire il mantenimento e l’aumento degli standard di sicurezza” dell’infrastruttura, previa stipula di un “atto aggiuntivo” che ne fissi i criteri.

Un accordo temporaneo, insomma, che in ogni caso dovrà prevedere l’espletamento di gare per l’affido dei vari interventi ad altre società terze. Questo sarà sancito, come detto, da un “atto aggiuntivo da sottoscrivere entro 6 mesi dall’entrata in vigore del decreto Fiscale.

L’accordo economico-finanziario che sarà pattuito sarà messo alla base della futura gara, a cui potrà partecipare che la società uscente. L’emendamento, poi, precisa che non sarà “riconosciuta una proroga” del precedente contratto.

continua – in abbonamento

SOR