Imprese, Giovani Confindustria: fuori da associazione chi delocalizza

0
4
industria

ROMA (Public Policy) – “Non abbiamo paura a dirlo: la delocalizzazione di quelle imprese che producono utili in Italia ma vanno alla ricerca di manodopera sempre più sottopagata, sradicando ricchezze produttive che hanno segnato la storia di intere città e distretti, oggi non può più essere considerata una opzione imprenditoriale“.

Lo ha detto il presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, Marco Gay, aprendo il 44esimo congresso a Santa Margherita Ligure. “Chi corrompe esca dalla nostra associazione” ed “esca anche chi nom accetta che il legittimo profitto sia legato al territorio che lo genera”. (Public Policy)

FRA