Manovra, gli attuativi in stand by su fisco e finanze

0
muro grafica conti fisco

ROMA (Public Policy) – Mentre il nuovo Governo prepara la legge di Bilancio 2020, rimangono in stand by diversi decreti attuativi relativi alla manovra 2019 varata dall’Esecutivo gialloverde (la legge 145/2018). Ecco cosa resta ancora da attuare in materia di fisco e finanze, secondo quanto pubblicato dall’Ufficio per il programma di Governo presso la presidenza del Consiglio dei ministri.

WEB TAX

Atteso dal 1° maggio scorso il dm Mef necessario per attuare la nuova web tax. L’imposta sarà applicabile 70 giorni dopo la pubblicazione in GU del dm. Il decreto sarà emanato di concerto con il Mise, sentiti Agcom, Garante per la Privacy e Agid.

TAGLI SU TAX CREDIT CULTURA

Previsto entro fine gennaio il dm Mef, di concerto con il Mibact, che avrebbe ridotto i crediti d’imposta ad esercenti di sale cinematografiche, librerie e alle imprese produttrici di prodotti editoriali che effettuano investimenti in editoria. Dai tagli si attendono 5,6 milioni di euro di risparmi.

TAX CREDIT PER INTERVENTI DI BONIFICA AMBIENTALE

Non attuato anche il credito d’imposta del 65% delle erogazioni liberali per interventi su edifici e terreni pubblici di bonifica ambientale. Serve un dpcm, su proposta del Ministro dell’ambiente, di concerto con il Mef. L’atto era atteso entro il 1 aprile.

RINEGOZIAZIONI MUTUI CDP A ENTI LOCALI

Dovrebbe essere pubblicato a breve il dm Mef, atteso a fine febbraio, che individua i mutui rinegoziabili concessi da Cassa depositi e prestiti a comuni, province e città metropolitane e trasferiti al Mef.

INVESTIMENTI REGIONI

Con dm Mef restano da definire le modalità di monitoraggio e certificazione sugli impegni finanziari assunti dalle regioni per investimenti su messa in sicurezza degli edifici del territorio, viabilità e trasporti, edilizia sanitaria e pubblica residenziale, interventi in favore delle imprese.

CARTOLARIZZAZIONI

La manovra introduce nuove norme in materia. Entro fine marzo erano attesi uno o più decreti del Mef per definire diversi aspetti connessi, tra cui modalità e finalità con cui viene effettuata la destinazione dei crediti cartolarizzati.

DATI FISCALI SANITARI E PRIVACY

Restano ancora da definire i termini e gli ambiti di utilizzo dei dati fiscali trasmessi al Sistema tessera sanitaria, nonché le modalità tecniche di trasmissione. Serve un dm del ministro della Salute, di concerto con Mef e ministro per la Pa, sentito il Garante per la privacy.

CDP E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

Le esposizioni assunte da Cassa depositi e prestiti nei confronti di Stati, banche centrali o enti pubblici di Stati e organizzazioni finanziarie internazionali, potranno essere assistite, anche integralmente, dalla garanzia dello Stato, quale garanzia di ultima istanza. A un dm Mef, non ancora attuato, viene demandata la possibilità –non l’obbligo- di fissare criteri, condizioni e modalità.

DEBITI ROMA

Con dpcm verrà approvata la definitiva rilevazione della massa passiva, su specifica proposta del commissario straordinario. Lo stesso atto fisserà il termine finale per l’estinzione dei debiti oggetto di ricognizione determinando contestualmente la fine delle attività straordinarie della gestione commissariale. (Public Policy) RED