Il Mef sta riflettendo su come rivedere la riforma delle Bcc

0
banche bcc

ROMA (Public Policy) – “Si richiama quanto affermato dal presidente del Consiglio dei ministri in sede di replica prima del voto di fiducia alla Camera, circa l’opportunità di distinguere, soprattutto a livello territoriale, fra banche di credito e banche di investimento e quindi la necessità di definire una chiara differenziazione sul piano della disciplina normativa”. Lo ha detto il viceministro dell’Economia, Massimo Garavaglia, rispondendo in commissione Finanze alla Camera a un’interrogazione di Forza Italia, a prima firma Sestino Giacomoni.

“Ciò – ha sottolineato Garavaglia – si può conseguire lavorando su una revisione della riforma in atto, soprattutto per recuperare la tradizionale funzione del credito cooperativo nel rispetto del primario obiettivo di supportare in modo adeguato il tessuto produttivo delle piccole e medie imprese sul territorio”.

“Sono in atto quindi – ha aggiunto – una riflessione e i necessari approfondimenti tecnici per porre in essere le opportune iniziative al fine di dare attuazione a quanto preannunciato dal premier”.

In precedenza, rispondendo sempre all’interrogazione di Forza Italia sulla riforma delle Bcc, Garavaglia ha ricordato come il processo di costituzione dei gruppi bancari cooperativi previsti dalla riforma sia “attualmente in uno studio avanzato” e come abbiano presentato istanza per la costituzione del gruppo bancario cooperativo Cassa centrale banca, Iccrea e Cassa centrale Raiffeisen.

Garavaglia ha anche ricordato che, invece, le Bcc di Cambiano e Chianti hanno optato entro i termini di legge per il conferimento dell’azienda bancaria.

Nell’interrogazione a risposta scritta in commissione, Forza Italia sottolineava l’esigenza di “dare al settore certezza normativa”, quindi chiede che “l’Esecutivo si esprima in tempi rapidi ed in modo chiaro su quali elementi il Governo intenda fornire sulle reali iniziative, anche normative, che saranno assunte in relazione alle banche di credito cooperativo”. (Public Policy) VIC