Migranti, in arrivo una nuova unità per l’Operazione Sophia

0
migranti

ROMA (Public Policy) – Una nuova unità di informazione sul crimine nell’ambito di Eunavfor Med, la cosiddetta ‘Operazione Sophia’. Lo ha deciso lunedì il Consiglio Ue.

La cellula sarà composta da massimo 10 agenti di polizia degli Stati membri e da personale di Frontex ed Europol. L’obiettivo è migliorare la condivisione delle informazioni tra le varie autorità in campo. La nuova unità avrà il compito di facilitare la raccolta e la trasmissione di informazioni sul traffico di esseri umani, sull’attuazione dell’embargo sulle armi imposto dall’Onu alla Libia, sul traffico illegale e su altri reati rilevanti per la sicurezza dell’operazione stessa.

‘Sophia’ è un’operazione navale dell’Ue istituita per rompere il business dei contrabbandieri e dei trafficanti di esseri umani nel sud del Mediterraneo centrale. Fin dall’inizio della fase attiva (ottobre 2015), l’operazione ha contribuito all’arresto e al trasferimento alle autorità italiane di 143 presunti contrabbandieri e trafficanti, e ha neutralizzato 545 imbarcazioni. Inoltre, l’operazione ha concorso al salvataggio di 44,251 vite, ed ha anche una serie di funzioni di supporto, come la formazione della guardia costiera libica e della Marina.

L’operazione è stata lanciata il 22 giugno 2015 e il suo attuale mandato scade il 31 dicembre 2018.  (Public Policy) PAM