Ok dal Senato al dlgs sul mercato Ue gas: cosa prevede

0
energia

ROMA (Public Policy) – Recepire nel nostro ordinamento la direttiva Ue 692 del 2019, per rafforzare il mercato interno del gas naturale, contribuendo alla sicurezza degli approvvigionamenti e alla sostenibilità. È questo l’obiettivo di uno schema di decreto legislativo presentato dal Governo in Parlamento che ha ricevuto, la scorsa settimana, il parere favorevole da parte della commissione Industria al Senato.

In via generale la direttiva Ue ha previsto che in tutti gli Stati membri si applichino le norme valide per i gasdotti che collegano due o più Stati membri anche per quelli di trasporto da e verso i Paesi terzi, per evitare distorsioni della concorrenza nel mercato interno dell’energia.

MAGGIORI POTERI ARERA

Lo schema di atto normativo prevede, quindi, alcune modifiche alla disciplina vigente. In primis, si va a modificare la definizione di interconnettore, ampliandone la definizione per comprendere anche i gasdotti che collegano l’Italia con Paesi terzi.

Sulla disciplina delle controversie transfrontaliere relative all’accesso alle infrastrutture di coltivazione del gas naturale, si prevede l’obbligo per l’Arera, l’autorità di regolazione di settore, di consultarsi con le altre Authority degli Stati Ue interessati. Se il primo punto di ingresso è in Italia, poi, Arera potrà consultarsi con il Paese terzo in cui ha origine la rete di gasdotti.

continua – in abbonamento

IAC