Resocónto – Noi zoppichiamo un pochino

0

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) – I lavori parlamentari sono lentamente ricominciati. Ma fa ancora caldo, i ritmi sono sudamericani e bisogna accontentarsi di un resocónto moderatamente vivace.

Iniziamo con la polemica di Massimiliano Romeo, capogruppo leghista al Senato: “Signor presidente, il fatto che i sottosegretari non siano attenti e che non ci sia un’adeguata presenza del Governo è o non è un argomento sull’ordine dei lavori? Me lo dica lei”.

Il signor presidente è in quel momento Ignazio La Russa: “Le assicuro che il grado di attenzione dei sottosegretari non è un argomento, perché è difficilmente misurabile, senatore Romeo, se i tre rappresentanti del Governo sono più o meno attenti”.

Durante la stessa seduta si discute di un trattato tra Italia e Nuova Zelanda. “Se posso permettermi una battuta in tono scherzoso ma non troppo – dice sempre La Russa – speriamo che insieme alle relazioni migliori anche la qualità della nostra nazionale di rugby, visto che gli All Blacks sono dei maestri e che noi zoppichiamo un pochino“.

A ciascuno il suo, passiamo alla Camera. “Spero che questo sia finalmente il Governo che ascolta i pensionati – chiude il suo intervento Carlo Fatuzzo – o i pensionati devono attendere una Greta dei pensionati? Viva i pensionati. Pensionati all’attacco”.

Santi Cappellani (M5s) cerca di alzare il livello: “Presidente, la cinematografia bulgara soltanto da pochi anni si sta ritagliando a fatica un suo spazio nel panorama occidentale….”. (Public Policy)

@VillaTelesio