Semplificazioni, Giovannini: seconda lista opere entro il 30 aprile

0

ROMA (Public Policy) – “Noi ragionevolmente come presidenza del Consiglio dovremmo sottoporre la bozza della proposta di dpcm entro il 30 aprile, e poi dovremmo correre molto per avere la firma entro il 30 giugno. Il 30 aprile è anche la data entro la quale va presentato il Pnrr alla Commissione europea. Noi abbiamo un disperato bisogno di essere rapidi facendo le cose giuste, non solo rispetto a questa bozza di dpcm che stiamo discutendo, ma anche alla prossima”.

Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, rispondendo martedì alle domande nell’ambito dell’audizione nelle commissioni Ambiente e Trasporti della Camera e Lavori pubblici del Senato sullo schema di dpcm (predisposto dal precedente Governo) con la lista dei commissari designati per le opere complesse, secondo lo Sblocca cantieri come modificato dal dl Semplificazioni.

“L’impostazione che vi ho proposto non è, come talvolta è successo nel passato, un rinvio alle calende greche, cioè a data da destinarsi, ma fondamentalmente ci richiede da domani mattina, o quasi, di iniziare a lavorare per risolvere i problemi che sono emersi negli ultimi mesi per evitare appunto che si incagli il secondo decreto, perché non c’è più la possibilità di slittare in avanti magari di qualche settimana discutendo sulla lista delle opere ecc. Sul secondo decreto, se vorremo usare quello strumento, e noi vorremmo usarlo, c’è una data tagliola: il 30 giugno. Da qui nasce l’idea di proporvi di procedere il più rapidamente possibile nell’esprimere il vostro parere sull’attuale proposta di dpcm, avendo ben presente tutte le problematiche che sono sorte nel passato e non solo nell’interlocuzione tra Governo e Parlamento ma anche rispetto alle Regioni”.

continua – in abbonamento

GIL