Dalla Biennale al Festival dei due Mondi: dove vanno i fondi del Mibact

0
biennale venezia

ROMA (Public Policy) – Sei milioni e 247mila euro alla Biennale di Venezia (nella foto), un milione e 107mila euro alla Triennale di Milano e 880mila euro al Festival dei due Mondi di Spoleto. E, ancora, 1 milione e 165mila euro all’associazione Reggio Parma festival e 1 milione e 15mila euro alla fondazione Rossini Opera Festival di Pesaro.

Sono i più cospicui contributi previsti in uno schema di decreto del Mibact all’esame delle commissioni parlamentari.

Il provvedimento, che doveva ricevere (e ha ricevuto) il parere definitivo delle Camere entro il 22 febbraio, contiene il riparto del fondi stanziati dal ministero del Beni culturali per enti, istituti, fondazioni e altri organismi per il 2018.

TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTI

Il provvedimento del Mibact distingue tra due tipologie di finanziamenti, per un totale pari a 14milioni e 817mila. Il primo contiene un riparto pari a 10 milioni e 378mila euro, che vanno a: convegni culturali e pubblicazioni delle edizioni nazionali istituite prima del 1997 (circa 728 mila euro); contributi a scrittore, grafici, traduttori (88mila e 600 euro); contributi per biblioteche non statali ma non di competenza regionale (751mila euro).

La restante parte va a 5 “importanti istituzioni culturali”, ovvero le fondazioni: ‘Biennale’ di Venezia’, ‘Triennale di Milano’, ‘Quadriennale di Roma’, Rossini Opera Festival di Pesaro e Festival dei due Mondi di Spoleto.

In tema di contributi stanziati, si va dai 6,2 milioni alla Biennale di Venezia ai 442mila euro alla Quadriennale di Roma.

continua  in abbonamento

IAC