Criminalità e fauna selvatica: le parole di Russo in Antimafia

0

ROMA (Public Policy) – Nella provincia di Salerno è presente “una peculiare forma di condizionamento che ha assunto nel tempo un livello di criticità: la presenza di animali selvatici e domestici allo stato brado. Il fenomeno – presente soprattutto nel territorio del Cilento – risulta particolarmente problematico non soltanto per i danni alle attività agricole, i problemi di incolumità pubblica o per gli aspetti di tipo sanitario”, ma per le “connessioni con fenomeni criminali. Si è appurato infatti che il fenomeno viene gestito da allevatori locali che controllano direttamente gli animali”.

Lo ha detto il prefetto di Salerno, Francesco Russo, audito in commissione Antimafia giovedì scorso.

“Attraverso gli animali – ha aggiunto Russo – nel corso degli anni hanno completamente distrutto colture e sottratto con minacce agli altri allevatori ettari di terreno”. Si tratta di “una forma di controllo criminale del territorio non effettuata direttamente da acclarate consorterie criminali”. (Public Policy) RIC