I dubbi (e le richieste) di Consob e Ania sul dlgs Assicurazioni

0
assicurazioni

ROMA (Public Policy) – Per quanto riguarda l’individuazione delle autorità competenti “occorrerebbe esplicitare meglio la scelta delle autorità competenti e la possibilità di avvalersi di protocolli di intesa”. A dirlo è stato Carmine Di Noia, commissario Consob, in audizione davanti le commissioni Speciali di Camera e Senato sul dlgs sulla distribuzione assicurativa.

Il commissario Consob ha chiesto anche, tra le altre cose, che venga garantita “l’uniformità di disciplina tra Ipib (prodotti di investimento assicurativo; Ndr) e altri strumenti finanziari”. Per quanto riguarda il nuovo istituto dell’arbitrato Di Noia ha chiesto un raccordo con l’istituto dell’arbitrato già previsto nel Testo unico della finanza.

LA POSIZIONE DELL’ANIA

“Chiediamo che il decreto legislativo, e ancora più le authority, possano correggere gli effetti del disallineamento tra l’entrata in vigore della direttiva Mifid 2 e della Idd (sulla distribuzione assicurativa; Ndr) e che possa essere prevista la possibilità di un utilizzo di sostanza, e dunque non in ambiti eccessivamente angusti, della procedura semplificata di collocamento”. A dirlo è stata Maria Bianca Farina, presidente dell’Ania, in audizione davanti le commissioni Speciali di Camera e Senato sul dlgs sulla distribuzione assicurativa.

Per Ania, l’entrata in vigore a ottobre prossimo della direttiva Idd, più tardi rispetto alla Mifid 2, comporterà “incertezza e complessità del quadro di riferimento”.

continua – in abbonamento

NAF