Gas naturale, il Mise ha approvato il decreto sui fornitori

0
gas energia

ROMA (Public Policy) – Il ministero dello Sviluppo economico ha approvato il decreto sull’individuazione dei fornitori di ultima istanza del gas naturale. Il provvedimento stabilisce indirizzi nei confronti dell’Autorità per l’energia per individuare i criteri e le modalità per la fornitura di gas naturale nell’ambito del servizio di ultima istanza.

Il provvedimento regola quindi il diritto al servizio di ultima istanza, cioè la fornitura di gas ai clienti finali che si trovano, anche temporaneamente, senza fornitore. Questo spetta a chi si trova senza fornitura per motivi indipendenti dalla propria volontà (questi clienti finali sono i quelli civili e non civili con consumo non superiore a 50.000 metri cubi all’anno di gas) e a chi si trova senza fornitura per qualsiasi causa (in questo caso si tratta di clienti finali titolari di utenze relative ad attività di servizio pubblico, tra cui ospedali, case di cura e di riposo, carceri, scuole, e altre strutture pubbliche e private che svolgono un’attività riconosciuta di assistenza, anche con consumi superiori a 50.000 metri cubi all’anno).

E ancora, il dm prevede che Arera “definisca, con congruo anticipo, le necessarie misure di tutela affinché il servizio di ultima istanza sia coerente con l’evoluzione e l’organizzazione del mercato retail”, cioè la fine del mercato tutelato a luglio 2019. Sempre Arera dovrà definire la durata di erogazione del servizio nonché le modalità per la determinazione delle condizioni economiche di fornitura del gas naturale per i clienti finali che si trovano nel servizio di ultima istanza. Conferma, invece, per l’introduzione di un meccanismo di reintegrazione degli oneri non recuperabili in capo ai fornitori di ultima istanza connessi alla morosità dei clienti non disalimentabili. La selezione dei soggetti fornitori il servizio di ultima istanza sia svolta dall’Acquirente unico con procedure ad evidenza pubblica disciplinate dall’Autorità.

LINK

– Il provvedimento pubblicato dal Mise

(Public Policy) FRA