Inasprite le pene (grazie al M5s) per chi occupa case

0
case

ROMA (Public Policy) – Inasprite le pene per chi occupa case. Lo ha stabilito la commissione Affari costituzionali al Senato approvando un emendamento al dl Sicurezza a firma Ugo Grassi (M5s).

La nuova norma, che modifica il Codice penale, stabilisce che “chiunque invade arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da euro 103 a euro 1.032“. Nell’attuale versione il Codice stabilisce il massimo della reclusione a due anni.

Giro di vite più stretto per le occupazioni di gruppo. Nello specifico, infatti, “si applica la pena della reclusione da due a quattro anni e la multa da euro 206 a euro 2.064 e si procede d’ufficio se il fatto è commesso da più di cinque persone o se il fatto è commesso da persona palesemente armata”. Pene aumentate, infine, per i promotori e organizzatori dell’azione.

L’inasprimento delle pene per le occupazioni di immobili era già presente nel dl voluto dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini; la norma è stata ora rivista dall’emendamento. (Public Policy) FRA