Nasce il Registro dei tumori: perché e a cosa serve

0
7
cancro

di Fabio Napoli

ROMA (Public Policy) – Istituire la Rete nazionale dei registri dei tumori e dei sistemi di sorveglianza e dei registri di mortalità, di tumori e di altre patologie. Lo prevede il provvedimento approvato in prima lettura in aula alla Camera, che ora dovrà essere esaminato dal Senato.

Il testo, che è la sintesi di sette proposte di legge presentate da Pd, M5s, Udc e Civici e innovatori, mette a sistema i dati dei 43 registri regionali e dei 31 sistemi di sorveglianza con l’obiettivo di aumentare e rafforzare il monitoraggio e la prevenzione dei tumori – e non solo – sul territorio italiano.

Ok anche alla creazione di un referto epidemiologico per disciplinare il trattamento, l’elaborazione, il monitoraggio continuo e l’aggiornamento periodico dei dati. Il provvedimento fa riferimento – tra le altre cose – anche all’inquinamento ambientale e potrebbe riguardare quindi anche le imprese e il loro rapporto con il territorio.

NASCE REGISTRO NAZIONALE TUMORI

Nasce la Rete nazionale dei registri dei tumori e dei sistemi di sorveglianza e dei registri di mortalità.

Obiettivi principali: prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione, programmazione sanitaria, verifica della qualità delle cure, valutazione dell’assistenza sanitaria; promozione della ricerca scientifica in ambito oncologico, anche nel campo dei tumori rari; semplificazione delle procedure di scambio dati, facilitazione della loro trasmissione e della loro tutela; studio di morbosità e mortalità per malattie oncologiche e infettive; studio e monitoraggio dei fattori di rischio delle malattie sorvegliate.

continua –in abbonamento 

@ShareTheRoadFab