Resocónto – Tante le grinte, le ghigne, i musi

0
cane mimetica

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) – Lasciando ai manuali di storia le tristi pagine battistiane di questa settimana, voglio iniziare questo resocónto spezzando una lancia in favore del Governo.

Non è vero, infatti, che l’Esecutivo sia in preda al virus della divisa. No, è ingiusto. C’è chi è riuscito, nella compagine gialloverde, a venir fuori da questa tossicodipendenza da giaccone a vento targato PS. Il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo (M5s), ad esempio.

Lui, che fu tra i primi a contagiarsi, vestendo in mimetica a ottobre, con tanto di mitra, postando tutto su Facebook e spiegando di averlo fatto “per capire cosa si prova”, è riuscito – pare – a disintossicarsi.

Le prove sono sotto gli occhi di tutti, su Twitter. Il 14 gennaio scorso Tofalo ha visitato “le eccellenze della Marina militare” a Taranto e NON si è vestito da marinaio. Nemmeno un berrettino, che ne so, un gingillo attaccato alla giacca. Nulla. Era vestito da sottosegretario.

Ce la possiamo fare.

Anche perché alle opposizioni non piace, come si vestono quelli del Governo. E si sa come le opposizioni vengano ascoltate, di questi tempi. Nel Paese, innanzitutto.

Insomma, mi auguro che anche gli altri esponenti di Governo si tofalizzino, prima di carnevale. Non sia mai che la cosa generi confusione, e per ogni Bonafede vestito da secondino ci sia un secondino vestito da Bonafede, e così via. (Public Policy)

@VillaTelesio