Resocónto – Il senso superiore

0

di Gaetano Veninata

ROMA (Public Policy) – Da quando il generale l’ha ordinato, cerco di farlo ogni giorno, con costanza: passeggio di fronte a un centro vaccinale sperando di essere io – per quel giorno – il fortunato passante, il primo che passa, per dirla figliuolescamente, disponibile a farsi iniettare una dose di vaccino (qualsiasi, ovviamente). Il caso – o il caos – Astrazeneca non ha rallentato le mie escursioni urbane alla ricerca della cara fiala, ma certo devo ammettere che ogni tanto la noia del passeggio mi costringe a brevi ma intense soste su qualche panchina, che dedico alla lettura. E talvolta dalla lettura vengono spunti interessanti.

Non so infatti chi il Governo dei migliori (e delle transizioni: ecologiche, digitali, etc) abbia nel suo pantheon, ma consiglierei di aggiungere lui:

“A questa realtà si collegava anche uno strano ordine, che si intendeva filosofico e mistico, e che non aveva un nome vero e proprio. Il primo livello si chiamava transizione, il secondo transizione della transizione, il terzo transizione della transizione verso la transizione e il quarto transizione della transizione verso la transizione della transizione. Era dovere degli adepti dischiudere il senso superiore di questa sequenza, il che avveniva sulla scorta di un opuscolo in cui quelle strane parole venivano spiegate, o meglio amplificate, in termini ancora più strani. Occuparsi di queste faccende era il passatempo preferito. Ma ripeto: dietro questa apparenza non si scorgeva il benché minimo scopo“. (Public Policy)

@VillaTelesio