Public Policy
Facebook Twitter Feed RSS

"OGM, È COME SE L'ITALIA VIETASSE LE MELANZANE" /INTERVISTA

Ogm 09 aprile 2013

ogm

DARIO BRESSANINI RISPONDE ALLA LETTERA
'NO OGM' DEL MINISTRO BALDUZZI ALL'UE


(Public Policy) - Roma, 9 apr - (di Sonia Ricci) "Sugli Ogm
l'Unione europea ha più volte dato torto all'Italia, ma è
come se il nostro Paese decidesse di vietare le melanzane
perché non gli piacciono". Per Dario Bressanini, chimico e
ricercatore all'Università dell'Insubria, la lettera del
ministro della Salute Renato Balduzzi alla Commissione
europea per richiedere la sospensione delle coltivazioni del
mais Ogm Mon810 (dell'azienda statunitense Monsanto), sia in
Italia che in Europa, "è una presa di posizione senza
argomentazioni".

La lettera inviata all'Ue è stata richiesta a gran voce dai
parlamentari del Movimento 5 stelle, che durante alcuni
incontri con i ministri Balduzzi e Mario Catania (Politiche
agricole) hanno chiesto di rafforzare il quadro normativo
italiano, per far sì che nel nostro Paese non venga dato il
via libera alle coltivazioni genetiche.

D. BRESSANINI, PERCHÉ NON È D'ACCORDO CON LA
RICHIESTA DEL
MINISTRO?
R. Perché nel nostro Paese si discutono decisioni già
prese, basandosi solo su argomentazioni di tipo ideologico.
Infatti, la Commissione europea ha approvato da tempo la
semina del mais Mon810, ma l'Italia non rispetta questa
decisione e ne vieta la coltivazione.

Con la legge europea nessuno può vietare cose già ammesse.
È come se l'Italia decidesse di vietare le melanzane perché
non le piacciono. Ma c'è un paradosso: nel nostro Paese
questo tipo di seme non si può coltivare 'ufficialmente', ma
in realtà sono in molti ad utilizzarlo visto che in Europa i
semi Ogm sono liberamente commerciabili. Quindi non possiamo
sapere con certezza chi lo coltiva. L'intervento del
ministro lascia il tempo che trova.

D. IL M5S HA CHIESTO AI MINISTRI CATANIA E BALDUZZI DI
RICHIEDERE IN EUROPA LA "CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA".
COSA NE
PENSA?
R. Non sanno di cosa parlano, perché non sanno nemmeno cosa
sia la clausola di salvaguardia. In due parole. Quando
un'azienda europea decide di commercializzare o coltivare
gli Ogm deve richiedere una procedura di controllo che
dimostri che non esistano rischi di tipo ambientale o di
tipo sanitario. Il regolamento europeo (Ce 18/2001; Ndr) ha
stabilito che una volta che a livello comunitario questa
autorizzazione viene rilasciata, spetta ai singoli Paesi
stabilire le norme di coesistenza tra chi produce Ogm e chi
no. E arriviamo a questa famosa 'clausola di salvaguardia',
prevista dalla normativa europea.

La clausola, che permette il
divieto di semina degli Ogm (solo in questo caso si può
vietare la messa in coltura; Ndr), può essere richiesta solo
tramite l'invio alla Commissione europea di documentazione
scientifica che dimostri che esista un pericolo specifico
per la salute umana o per l'ambiente. Non contano le
motivazioni economiche o ideologiche che l'Italia avanza.
Continuano a invocare una cosa che non sanno nemmeno cosa
sia.

D. PERCHÉ È STATO UN MINISTRO DELLA SALUTE A INVIARE UNA
RICHIESTA CHE HA A CHE FARE CON LE SEMINE?
R. È la tipica cosa all'italiana, una presa di posizione
senza argomentazioni. Anch'io mi sono fatto la stessa
domanda. Un ministro della Salute scrive su cose che non gli
competono, oltretutto sapendo che questo mais è liberamente
commerciabile come mangime. L'Italia ne importa ogni hanno
quantità enormi.

D. CI SONO RISCHI SANITARI ACCERTATI LEGATI AL MAIS OGM?
R. No, non ci sono. Infatti in Spagna lo utilizzano. La
letteratura scientifica, quella seria, ad oggi non ha
riscontrato nessun tipo di problema soprattutto nel consumo
animale e umano. Se su questo esistessero dei dubbi il
ministro della Salute dovrebbe vietare anche le importazioni
e non solo la semina. E perché non lo fa? Il parmigiano
reggiano che compriamo è prodotto in gran parte dalle vacche
nutrite con Ogm importati da tutto il mondo.

D. ESISTONO INVECE DEI VANTAGGI?
R. Si, soprattutto di tipo ambientale e sanitario. Infatti
questo tipo di semina richiede un minore utilizzo di
insetticidi e pesticidi. Noi non possiamo utilizzarla e sui
nostri campi di mais, infatti, si utilizza di tutto.

D. PERCHÉ IN ITALIA C'È QUESTO SPAURACCHIO? SOLO
DISINFORMAZIONE O CI SONO MOTIVAZIONI DI TIPO ECONOMICO?
R. Credo che siano solo prese di posizione di tipo
ideologico. Quando parliamo di questo tipo di semina
dobbiamo tenere presente che non esiste il mais selvatico,
quindi non possiamo dire che il mais Ogm contamina quello
selvatico perché quest'ultimo non c'è mai stato, non esiste.
Solo in Messico c'è un antenato del mais.

Essendo questo un seme ibrido ogni anno le aziende devono
ricomprarlo e da chi lo acquistano? Dalle stesse
multinazionali che producono gli Ogm. Infatti la Monsanto
vende entrambi i tipi di mais (Ogm e non; Ndr). Ripeto: è
solo una questione ideologica. Si pensa che dietro
l'intervento umano si nasconda qualcosa di pericoloso.
E la politica cavalca questa posizione. (Public Policy)

SOR

© Riproduzione riservata