Idea Pd: una card da 300 euro per l’acquisto di libri

0
2
libri

di Fabio Napoli

ROMA (Public Policy) – Una card di 300 euro, con uno stanziamento complessivo di 50 milioni annui, per l’acquisto di libri riservata ai cittadini italiani, o di altri Paesi Ue residenti in Italia, in possesso di una determinata soglia Isee che verrà individuata dal ministero dei Beni e le attività culturali e del turismo.

Lo prevede, in sintesi, un nuovo emendamento alla proposta di legge per la promozione della lettura, depositato in commissione Cultura dalla relatrice Flavia Nardelli, deputata Pd e presidente della VII commissione.

“Al fine di promuovere l’acquisto dei libri da parte dei cittadini italiani o di altri Paesi membri dell’Unione europea, residenti nel territorio nazionale – si legge nel testo dell’emendamento – è assegnata una carta elettronica per le librerie a partire dal 1° gennaio 2017. La carta, dell’importo nominale massimo di 300 euro, può essere utilizzata per l’acquisto di libri muniti di codice Isbn, esclusi i libri di testo”. Sarà un decreto del Mibact, di concerto con il ministro dell’Economia, da adottare entro novanta giorni dall’entrata in vigore della legge, a definire “i criteri e le modalità di attribuzione e di utilizzo della Carta”.

continua – in abbonamento

@ShareTheRoadFab