Ci sarebbero un po’ di cose in sospeso: il Def e il dl su Alcoa, per esempio

0
alcoa

ROMA (Public Policy) – In attesa di capire come finirà la partita Governo, in Parlamento rimane in sospeso un provvedimento importante come il Documento di economia e finanze: si parlava infatti di un approdo in aula già mercoledì scorso, almeno per Montecitorio, ma le due Camere sono in una situazione di stand by in attesa che si formi il nuovo Governo, o quantomeno che si conoscano le tempistiche della sua formazione. E la rottura dell’ipotesi Conte non agevola certo la situazione. Rimane in sospeso anche il dl Cig (quello per Alcoa).

Andiamo con ordine.

Il Def resta dunque in stand by e il motivo, prima del fallimento dell’ipotesi M5s-Lega, era duplice. C’era una questione tecnica, ovvero la volontà di lasciare la programmazione delle aule sgombre in attesa della fiducia per il nuovo Governo. Ma anche una questione politica: si attendeva che Governo e maggioranza fossero formati per mettere a punto la risoluzione M5s-Lega da presentare nelle aule delle Camere.

I tempi, anche ora che l’incertezza sul futuro Esecutivo regna sovrana, non sono comunque stretti: la scadenza del 30 aprile, entro cui il testo doveva essere inviato in Europa, è già scaduta da un pezzo, ed essendo un Def puramente tecnico e tendenziale, il Governo Gentiloni ha provveduto a inviarlo in Europa già entro i termini e contemporaneamente alle Camere. Sarà poi il nuovo Governo che dovrà integrare il Documento anche con la parte programmatica, o subito dopo l’insediamento, o direttamente a settembre con la Nota di aggiornamento.

In sospeso anche il dl Cig (stanzia 9 milioni di euro per prorogare gli ammortizzatori sociali dell’Alcoa. Sono interessati dall’intervento circa 1.000 lavoratori). L’esame è iniziato la scorsa settimana in commissione speciale alla Camera e al momento non risulta calendarizzato per i prossimi giorni. Sul provvedimento, comunque, non sono attese modifiche. (Public Policy) FRA