Cura Italia, dopo il Parlamento altri 15 decreti attuativi

0

ROMA (Public Policy) – Sono circa 15 i nuovi decreti attuativi in capo al Governo previsti dalla legge di conversione del dl Cura Italia, in vigore dal 30 aprile. Si aggiungono ai circa 40 previsti inizialmente dal decreto, alcuni dei quali in capo ad enti o agenzie. Gli emendamenti approvati in Senato hanno anche ritoccato alcuni dm attuativi già previsti in partenza. Alcuni dei nuovi dm attuativi erano previsti da decreti legge non convertiti e confluiti nel Cura Italia.

Vediamo il dettaglio:

FONDO FAMILIARI MEDICI VITTIME COVID

10 milioni di euro per iniziative di solidarietà a favore dei familiari di medici, personale infermieristico e operatori socio-sanitari, vittime di Covid. Con dpcm saranno individuate le modalità di attuazione.

FONDO PMI ZONA ROSSA

Introdotta nel Cura Italia la disposizione sulla garanzia alle pmi della zona rossa prevista dal primo dl economico non convertito. Fino al 2 marzo 2021, l’intervento sarà concesso a titolo gratuito e con priorità sugli altri interventi, per un importo massimo garantito per singola impresa di 2,5 milioni di euro. Con dm Mise, di concerto col Mef, l’intervento potrà essere esteso a pmi ubicate in aree diverse.

SOSPENSIONE BOLLETTE

Entro inizio luglio, l’Arera potrà disciplinare con propri provvedimenti la rateizzazione delle fatture e degli avvisi di pagamento sospesi nella zona rossa. Anche questa disposizione era già prevista dal primo dl economico, poi non convertito.

continua – in abbonamento

MDV