Primo via libera dalla Camera: si abbassa l’età per eleggere i senatori

0
aula senato

ROMA (Public Policy) – Si abbassa da 25 a 18 anni l’età per eleggere i componenti del Senato della Repubblica. O per lo meno si abbasserà con l’approvazione della proposta di legge costituzionale all’esame del Parlamento, che mercoledì ha ricevuto il primo via libera da parte dell’aula della Camera.

COME FUNZIONA OGGI

Attualmente votano per l’elezione delle due Camere – elettorato attivo – i cittadini italiani che sono possesso del diritto di elettorato attivo e che abbiano raggiunto i seguenti requisiti anagrafici: la maggiore età per l’elezione dei deputati; il compimento del 25° anno di età per l’elezione dei senatori. Secondo la Costituzione, il diritto di elettorato attivo può essere limitato soltanto per incapacità civile o per effetto di una sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

Per quanto riguarda l’elettorato passivo, possono essere eletti alla carica di deputato e senatore i cittadini italiani che siano titolari del diritto di elettorato attivo e abbiano compiuto rispettivamente il 25° e il 40° anno di età. La perdita della capacità elettorale attiva produce come diretta conseguenza l’estinzione del diritto di elettorato passivo.

LA PROPOSTA BRESCIA

La proposta a prima firma Giuseppe Brescia (deputato M5s e presidente della commissione Affari costituzionali di Montecitorio) si compone di un articolo unico che, attraverso la modifica del primo comma dell’articolo 58 della Carta, riduce come detto il limite di età per gli elettori del Senato da 25 a 18 anni.

Con questo ritocco l’elettorato attivo per il Senato verrebbe uniformato a quello già previsto per la Camera dei deputati. Al citato articolo 58, che riguarda l’elezione dei componenti di Palazzo Madama, sono infatti soppresse le parole: “dagli elettori che hanno superato il venticinquesimo anno di età”, cosicchè il testo cosituzionale reciti “i senatori sono eletti a suffragio universale e diretto”. (Public Policy) SOR