Le società sportive professionistiche avranno un organo consultivo dei tifosi

0

leggi anche: Azionariato popolare Barcellona style, la Camera ci prova

ROMA (Public Policy) – Le società sportive professionistiche avranno un organo consultivo dei tifosi i cui membri saranno eletti dai supporter abbonati alla società tramite sistema elettronico. Lo prevede un emendamento del relatore, Daniele Belotti (Lega), al ddl delega Sport, approvato nei giorni scorsi in commissione Cultura alla Camera.

La norma, nello specifico, prevede che “negli atti costitutivi delle società sportive” professionistiche “è prevista la costituzione di un organo consultivo che provvede, con pareri obbligatori ma non vincolanti, alla tutela degli interessi specifici dei tifosi”. L’organo sarà formato da un minimo di tre a un massimo di cinque membri eletti, ogni tre anni, “dagli abbonati alla società sportiva, con sistema elettronico, in base a un apposito regolamento approvato dal consiglio di amministrazione della stessa società, che dovrà contenere regole in materia di riservatezza nonché indicare le cause di ineleggibilità e decadenza, tra le quali, in ogni caso, l’emissione nei confronti del tifoso di un provvedimento” di Daspo o di un provvedimento di condanna, anche con sentenza non definitiva, per reati commessi in occasione o a causa di manifestazioni sportive.

L’organo consultivo, inoltre, eleggerà tra i propri membri il presidente, che può assistere alle assemblee dei soci. Le società sportive professionistiche avranno sei mesi di tempo dall’entrata in vigore del ddl delega per adeguare il proprio assetto societario. (Public Policy) FRA