Codice della strada, tutte le novità del testo unificato

0
codice strada

ROMA (Public Policy) – Da limitazioni della circolazione sulle strade davanti le scuole passando per l’accesso alle ztl ai cosiddetti parcheggi rosa. Sono alcune delle novità contente nella nuova versione di testo unificato delle proposte di modifica del codice della strada, approvato lunedì in sede di comitato ristretto in commissione Trasporti della Camera e di cui Public Policy ha preso visione.

Rispetto al testo redatto qualche settimana dai relatori Diego De Lorenzis (M5s) e Giuseppe Donina (Lega), la bozza di testo unificato licenziata oggi (e che domani verrà adottata come testo base da tutta la commissione), contiene alcune importanti novità. Tra queste, l’ingresso nel codice della strada della definizione di strada scolastica con limite a 30km/h, zone a traffico limitato o aree pedonali. Inoltre i parcheggi rosa non saranno riservati solo alle donne incinte ma anche alle donne con figli entro i due anni.

Un’altra modifica al codice della strada permette inoltre, “su tutte le strade”, l’installazione di sistemi di rallentamento come bande rumorose o dossi. Cambia anche la disciplina per l’uso del casco: il conducente sarà responsabile del passeggero che non lo indossa anche quando questo è maggiorenne. Via libera anche a moto e scooter di  cilindrata sotto i 150 cc sulle autostrade, a condizione che il guidatore sia maggiorenne.

Cambia la contestata norma inserita nell’ultima Manovra che permetteva l’accesso alle ztl a veicoli elettrici e ibridi. Con la modifica contenuta nel testo unificato l’accesso sarà consentito solo ai veicoli elettrici. Arriva anche la cosiddetta norma salvaiciclisti che impone ai conducenti di autoveicoli di porre attenzione in caso di sorpasso di biciclette e di non procedere al sorpasso in caso non vi siano condizioni di sicurezza adeguate. Fuori dai centri urbani la distanza minima per il sorpasso delle bici è indicata in 1,5 metri.

Per quanto riguarda la sagoma limite dei veicoli pesanti, una norma prevede che dal 2022 la lunghezza limite per gli autoarticolati e gli autosnodati passerà da 16,50 m a 18 m; e per gli autosnodati e filosnodati adibiti a servizio di linea per il trasporto di persone destinati a percorrere itinerari prestabiliti da 18 m a 18,75 m. Altra novità una norma che apre alle revisioni presso officine private per i veicoli non ricompresi in quelli già elencato al comma 8 dell’articolo 80 del Codice (revisioni).

Confermate le norme già contenute nella prima bozza di testo unificato anticipata da Public Policy, come la cosidetta casa avanzata per le biciclette o la stretta per chi guida dopo aver preso sostanze stupefacenti. (Public Policy) NAF